Post it

Senza fine

Non è il primo amore che conta, è l’ultimo. Sul primo si è già scritto tutto, a cominciare dalla sciocchezza secondo cui non si scorderebbe mai. Viviamo sempre più a lungo, ci consegniamo a malattie senili che comportano la perdita della memoria, quel che ci ha segnati a sedici o a vent’anni non ci segna per tutta la vita: spesso si riduce a un nome sulla punta della lingua, una vecchia foto scolorita che ritrae un volto vagamente famigliare. A essere indimenticabile, invece, è l’ultimo amore, perché è lì, ancora.

Il desiderio di fermarsi. La sicurezza di non volee altro e di non voler essere altro.

Senza fine, Gabriele Romagnoli, Feltrinelli

SKRIBI è un progetto di Elena Manzari - p.Iva. 07990430725