Cari amici e care amiche,
credo sia ormai ufficiale che a partire dal prossimo 14 aprile le #librerie potranno riaprire.

Marica e io preferiamo aspettare ancora per delle ragioni banalissime e concrete che cercherò di elencare brevemente qui.
Prima, però, urge dire che non vediamo l’ora di presentarvi la nostra nuova casa. Ma siamo certe che in questo momento difficile per tutti un po’ di cautela ci debba essere. E preferiamo, appunto, aspettare.

🔴 Libri come beni di prima necessità.
Per noi lo sono, per voi che ci state sostenendo con il domicilio pure. Per lo Stato italiano fino a ieri no, da oggi sì. Cosa è cambiato? Apparentemente nulla – anche se nei vari proclami viene scritto che la riapertura delle librerie sarebbe un gesto simbolico di ripresa.
Onestamente, non abbiamo bisogno di presunti gesti simbolici ma di sostegno concreto, semmai. Perché fino a quando si continuerà a credere che lavorare in ambito culturale sia “passare il tempo” allora la cultura in Italia sarà sempre un accessorio. Bello quando c’è, ininfluente quando manca.

🔴 Sicurezza nostra e della comunità.
Se dobbiamo stare tutti a casa perché solo in tal modo possiamo allontanare la diffusione del contagio come è pensabile riaprire le librerie? Siamo disposte all’apertura non appena si sarà compreso maggiormente il tutto.
Forse tra due settimane andrà meglio e saremo noi più tranquille e voi più sicuri. E allora vedremo il da farsi.

In questo tempo avremo la possibilità di ampliare il nostro catalogo poiché da più voci si parla di riaperture anche di magazzini editoriali. Quindi assortimento maggiore di più titoli e, finalmente, possibilità di prenotazioni di libri.
Continueremo fino ad allora con le consegne a domicilio, a sorridervi dietro le mascherine, a trattenerci dalla voglia di abbracciarvi e a essere pronte a ogni vostra richiesta.

Dobbiamo ancora portare pazienza.
Ma siamo certe che quando apriremo il nostro #bistrotletterario, quando spalancheremo le sue porte sarà una festa per tutti.

Sì, finalmente sarà una festa.

Elena

SKRIBI è un progetto di Elena Manzari - p.Iva. 07990430725

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: