Quest’anno la primavera è arrivata quasi in sordina, chiusi in casa a causa della pandemia.

Ma questo terzo volume della magistrale Ali Smith, Primavera, siamo certe potrà affascinarvi e regalarvi momenti preziosi.

La voce della scrittrice, in Italia pubblicata dalle edizioni sur, pulsa di amore per la realtà ma sa essere anche potentemente fantasiosa e letteraria; è la voce di una scrittrice indispensabile per i nostri tempi.

Richard è un regista televisivo ormai anziano; la sua migliore amica, la geniale sceneggiatrice con cui ha lavorato ai suoi film più belli, è morta da poco, e lui è stato ingaggiato per l’adattamento dozzinale di un romanzo di successo; solo e sconfortato, è fuggito da Londra ed è in pieno stallo esistenziale. Brittany è una giovane donna che lavora come agente di sicurezza in un centro di detenzione dove vengono stipati gli immigrati senza documenti in (vana) attesa di rimpatrio; il suo impiego la sta disumanizzando sempre di più: il saluto che fa alle siepi dell’ingresso all’inizio e alla fine di ogni turno sembra il suo unico momento di dolcezza e sollievo. Nella vita di entrambi piomba però Florence, una dodicenne dalle origini misteriose e dall’irresistibile carisma, e l’incontro avrà effetti letteralmente miracolosi – o forse solo profondamente umani.

Che dite? 

                                                             

SKRIBI è un progetto di Elena Manzari - p.Iva. 07990430725

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: