Dopo le storie di amicizia di A misura d’uomo, Roberto Camurri torna con un romanzo intimo e familiare, e con voce sincera e appassionata ci parla di sentimenti espressi a fatica, spesso condivisi in silenzio, che palpitano sotto la pelle dei personaggi guidandoli alla ricerca del loro posto nel mondo.

“Gli manca lei, il suo essere sempre così radicale, il non avere mai dubbi, gli manca averla per casa, sentirla ridere, quelle poche volte che si lasciava andare era bellissimo, pensa. Gli mancano le sue mani, il suo pulire la casa alle sette della domenica mattina, gli manca essere svegliato dal suono dell’aspirapolvere, sentirla cantare sotto la doccia.”

Roberto Camurri, Il nome della madre, NN Editore.

Un libro che stiamo leggendo in questi giorni, dalla scrittura asciutta e senza pregiudizi, con i suoi personaggi che sembrano così fragili che verrebbe voglia di abbracciarli. Un libro talmente coinvolgente che consigliamo vivamente.

Fidatevi

SKRIBI è un progetto di Elena Manzari - p.Iva. 07990430725

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: