Category

Post it

La spunteggiatura. Bestiario dei segni

By | Post it
Il mio nome è PUNTO e sono così.
Ho una famiglia piuttosto allargata, di quelle moderne, chiassose che confondono e fanno sbagliare soprattutto i bambini e coloro che credono di poter scrivere facendo a meno di me e della mia famiglia.
Non sempre è piacevole avere tanti parenti intorno che esclamano, interrogano, sospendano, virgolettano accigliati e sopra le righe, ma io sono l’unico che ha il potere di interrompere racconti, favole, tragedie, commedie e, quando è il momento, purtroppo la vita.
Sono anche e soprattutto il Puntodinizio di ogni cosa…

Con piacere arriva in libreria un libro davvero affascinante per capire fin da piccoli – che poi da grandi diventa un vero problema sottovalutato (parola di correttrice di bozze) – la punteggiatura.
Arriva in libreria “La spunteggiatura. Bestiario dei segni” di Florisa Sciannamea, Fasi di luna edizioni.

Una vera chicca 
ps: appena arrivato e già venduto per#ioleggoperché 

 

Novità SUR edizioni

By | Post it

Muñoz & Sampayo, Billie Holiday:
in molti hanno provato a raccontare la vita di Bilie Holiday – una vita travagliata, densa, sfuggente -, eppure pochi ritratti hanno la forza e il fascino di questo storico graphic novel firmato dai maestri del fumetto argentino Muñoz & Sampayo.
Prefazione di Nicola Lagioia.

Muñoz & Sampayo, Carlos Gardel:
fuori la luce dei lampioni e dentro le note di un tango, fumo di sigarette, fruscio di gonne e cappelli. In questo volume veniamo catapultati nell’atmosfera inconfondibile dell’Argentina degli anni Trenta dove il talento della coppia vincente Muñoz & Sampayo è confermaato attraverso il racconto in immagini e parole del più grande cantante di tango di tutti i tempi.
Prefazione di Riccardo Falcinelli.

Meraviglia per gli occhi.

 

Hochet per Voland e Fonollosa per Diabolo

By | Post it

Questo pomeriggio la libreria ha aperto con qualche minuto di ritardo poiché ho portato Mogwai, la mia micia, dal veterinario.

Una volta qui ho dato un’occhiata al volo a questi due libri.

Elogio del gatto, Hochet per Voland: un libro molto interessante sulla figura dell’amico quattro zampe. Attraverso le parole di grandi autori come Sōseki, Colette, Nothomb ci svela gli infiniti volti del gatto, animale flessibile per definizione.

MiaoMiao, Fonollosa, Diabolo Edizioni. Un graphic novel simpaticissimo con protagonisti due mici che ne combinano di tutti i colori. E ora che ho un gatto in casa so cosa vuol dire.

Del resto, come diceva J. Verne “Sono certo che un gatto saprebbe camminare su una nuvola senza cadere giù”.

Rino Gaetano

By | Post it

Vi capita mai di cantare canzoni perché conoscete il testo ma di non soffermarvi più di tanto sul loro significato?
Ecco, a me ultimamente sta capitando spesso (forse l’età, che ne so): mi ritrovo a canticchiare interi brani e dopo un po’, fermarmi e dire “Cavolo! Ma questa è una piccola bomba” o giù di lì.
Facciamo un esempio: “Ma il cielo è sempre più blu” del grande, grandissimo Rino Gaetano.
Conosco il testo a memoria da sempre ma solo qualche tempo fa mi sono resa conta della potenza delle sue parole.

Ma chi era Rino Gaetano? A chi parlava la poetica trasgressiva e struggente che passa in ogni suo lavoro artistico?
Se anche voi volete saperne di più su “il figlio unico della canzone italiana” vi consiglio la lettura di questo volume della Bizzarro edizioni scritto dal giornalista romano Yari Selvetella.
Io l’ho divorato 

ps: oggi in libreria si ascolta solo Rino. Se passate lo ascoltiamo insieme.

M. il figlio del secolo

By | Post it

Solitamente non mi piace parlare di libri “necessari”, di libri, cioè, che bisogna leggere per forza. Anzi, io sono la classica lettrice che considera la lettura un reale vero piacere, e non ci penso un attimo nel stoppare una lettura se questa non m’ha preso. Magari poi riprendo il libro perché credo che ci siano tempi differenti per ogni lettura e stati d’animo diversi che ci avvicinano o allontanano da alcuni libri (ma questa è un’altra storia e rischio di dilungarmi – e chi mi conosce sa, se comincio a parlare io… ).

Oggi vorrei indicarvi questa novità uscita una dozzina di giorni fa per Bompiani. Si tratta dell’ultimo lavoro di Antonio Scurati, scrittore che a volte mi piace, altre meno.
“M. Il figlio del secolo” il suo titolo e si comprende perfettamente a chi Scurati faccia riferimento.

Ma che libro è questo? Cito: «Il primo romanzo sul fascismo raccontato attraverso Benito Mussolini: il figlio di un secolo che ci ha reso quello che siamo».
Quindi, un romanzo di oltre 800 pagine nel quale Scurati si propone di ricostruire narrativamente la figura di Mussolini seguendo la sua parabola di uomo in parallelo alla crescita e alla disfatta del partito fascista. Un opera monumentale, oserei dire.

Qui non si condanna né si giustifica la figura del dittatore italiano. La si descrive. Tutto è ampiamente documentato e nessun personaggio è frutto della fantasia dello scrittore. Come si legge al suo interno: «Fatti e personaggi di questo romanzo documentario non sono frutto della fantasia dell’autore. Al contrario, ogni singolo accadimento, personaggio, dialogo o discorso qui narrato è storicamente documentato e/o autorevolmente testimoniato da più di una fonte. Detto ciò, resta pur vero che la storia è un’invenzione cui la realtà arreca i propri materiali. Non arbitraria, però».
Quindi, riportando le parole dell’autore che sento particolarmente vicine vi dico che «se vogliamo che il fantasma del fascismo smetta di tornare a infestare le nostre case, dobbiamo farci i conti. Narrare è per me la massima forma di esorcismo. Dobbiamo attraversare il fantasma».

Buona lettura.

Ventuno vicende vagamente vergognose

By | Post it

Voi lo sapete cosa sono i #tautogrammi?
Si tratta di composizioni costruite con componenti che cominciano, categoricamente, con caratteri coincidenti.
BOOM!

In “Ventuno vicende vagamente vergognose”, volumetto pubblicato per i tipi di CasaSirio Editore a firma Walter Lazzarin, troviamo storie che rappresentano un piccolo reale gioiello surrealista che mescola giochi linguistici e goliardia, poesia classica e farsa scollacciata. Una dichiarazione d’amore all’Amore e alle sue défaillances.

Un piccolo esempio? Partiamo con la A.
«Ancora adolescente, Aristotele assieme ad altri alunni aveva avuto accesso all’Accademia. Abbandonò Atene appena apprese abbastanza; ambiva ad arricchirsi accasandosi ad Atarneo, agglomerato asiatico. Adulto, arrivato all’apice, abitò altrove. Attraverso ambienti altolocati avviò alcuni allievi all’astronomia, all’aritmetica, all’arte amatoria (…)».

Che ve ne pare?

ps: la foto è di lato perché mi piace così (sorriso)

 

 

Napoli mon amour

By | Post it

È un romanzo di formazione il debutto editoriale di Alessio Forgione per NN Editore dal titolo “Napoli mon amour”, una Napoli afosa e livida di pioggia, cinerea come la Hiroscima del film. Una lingua incalzante, sonora, intessuta di tenerezza, febbrile.

“Era meglio un mondo così, che rischiava di esplodere e finire in ogni istante, che un mondo come il mio, dove non accadeva nulla”.

Consigliato per chi ama l’odore dell’asfalto bagnato dalla pioggia, per chi si è tuffato nell’acqua di diamante del mare di Procida, per chi ha capito l’immensità blu di perdere tutto, in un solo momento, come un bagaglio lasciato su un treno in partenza.  

Storia della MIA ansia

By | Post it

Questa mattina, ospite in veste di lettrice al secondo circolo, ai miei piccoli uditori ho parlato di emozioni. Ma ho tralasciato questa che, da sempre, m’accompagna.
Io ci rido su.
Voi fate come me 

“Ansia” di Elena Triolo, HOP Edizioni: un divertente concentrato di ansie formato pocket da portare in borsetta, sempre pronte in ogni evenienza.

“Vaffanculo. Colora via l’ansia”, Adriano Salani Editore: 40 insulti da colorare con animali carini… ma stronzi.

Buona #ansia a voi, Elena 

Le regole non valgono

By | Post it

Comincia così il memoir di Ariel Levy con la normalità che deflagra e poi si sgretola. «Negli ultimi mesi ho perso mio figlio, la mia compagna e la casa». Il punto di collasso è la perdita di un bambino, avvenuta alla diciannovesima settimana di gravidanza nella stanza di un albergo di Ulan Bator, in Mongolia.

Quando torna a casa la sua vita, quella di prima, semplicemente non esiste più. Al suo posto c’è solo un grumo di dolore e la consapevolezza difficile che l’unica a poter fare ciò che vuole è madre natura: le sue sono le sole regole che valgono.

Ariel Levy, Le regole non valgono, Bompiani edizioni (trad. Claudia Durastanti).

 

Il diner del deserto

By | Post it

“Il diner del deserto” James Anderson, NN Editore
Con dolce e disincantata ironia, l’autore ci consegna un avvincente noir on the road, in cui il male e il desiderio di vendetta svaniscono di fronte alla lealtà che unisce i personaggi: impalpabile come l’ombra di un miraggio, intensa come la luce che abita il deserto.

“La curiosità non era mai stata un problema per me. La trattavo come un cane che dorme in una discarica. In linea di massima, non scavalcavo la recinzione. Alcune cicatrici frastagliate sul sedere mi ricordavano le poche volte in cui avevo violato quella regola. Solo perché il cane non si vede, non vuol dire che non ci sia. Certo, di tanto in tanto do una sbirciatina oltre la rete. ciò che vedo e penso lo tengo per me”.

Che ve ne pare?

SKRIBI è un progetto di Elena Manzari - p.Iva. 07990430725