Category

News

AGOSTO

By | News, Post it

Agosto.
Mese di mare, sole, sabbia e vacanze (piĂą o meno).
Per questa ragione, gli orari della libreria subiranno delle modifiche. Prendete nota, mi raccomando!

👉👉 dal 01 al 09 agosto (la settimana con il pallino) apertura pomeridiana: ore 17.30/21.00.

👉👉 dal 12 al 17 agosto chiusura della libreria (ma saremo in giro con banchetti per festival musicali con collaborazioni strepitose).

👉👉 dal 19 al 24 agosto apertura mattutina (9.30/13.00) e postazione pomeridiana per Imaginaria – animated film festival (18.00/24.00).

👉👉 dal 26 al 30 agosto tutto torna alla normalità fatta eccezione per mercoledì 28 con Skribi presenta Il ragazzo fortissimo_Chiostro di san Giuseppe (ma vi aggiornerò meglio più in là).

Per il resto.
Avete il mio cellulare, la mail etc etc. Se dovesse servirvi una consulenza sappiate che corro 

Fate i bravi

Festeggia il tuo compleanno in libreria

By | Eventi, Laboratori, News, Post it

Hai mai pensato di festeggiare il compleanno della tua bimba o del tuo bimbo in libreria?

Se fino a ieri credevi non fosse possibile sbagliavi perché da Skribi si può.

Lettura animata di un albo scelto insieme con attivitĂ  laboratoriale da concordare in base anche ai gusti del festeggiato. Si potrĂ  fare merenda, spegnere la candelina, leggere un libro insieme, creare qualcosa insieme.

Festeggiare il compleanno in libreria è un’alternativa alla festa canonica in ludoteca.

Vuoi saperne di piĂą? Contattaci!

info@skribi.it

393.2518665 (Elena)

 

Leggere con i bimbi fa bene

By | News

Articolo apparso su Ansa.Salute e Bambini. Si può consultare in basso.

[Leggere con i bimbi piccoli? DĂ  loro un vantaggio linguistico di otto mesi. Che potrebbero forse sembrare pochi, ma non lo sono soprattutto se tarati su piccoli con meno di cinque anni. Lo rileva una ricerca della Newcastle University’s School of Education, guidata da James Law, professore di scienze del linguaggio.

Il team di esperti ha scoperto che le abilitĂ  linguistiche ricettive – le capacitĂ  cioè di comprendere le informazioni – sono influenzate positivamente quando i bambini in etĂ  prescolare leggono con qualcuno che si prende cura di loro. Per la ricerca è stata effettuata una revisione sistematica degli studi con interventi di lettura degli ultimi 40 anni, in cui si utilizzavano sia libri che e-readers e in cui la lettura è stata effettuata con un genitore o qualcuno che si occupava dei piccoli. La revisione ha mostrato che i bambini socialmente svantaggiati hanno avuto un beneficio leggermente maggiore rispetto ad altri.

“Sapevamo giĂ  che leggere con i bimbi offre dei vantaggi per il loro sviluppo e le prestazioni accademiche successive- evidenzia il professor Law – ma gli otto mesi di vantaggio di questa revisione sono risultati sorprendenti. Otto mesi sono una grande differenza nelle competenze linguistiche quando si guarda a bambini sotto i cinque anni di etĂ ”. L’etĂ  media dei bimbi coinvolti nei 16 studi inclusi nella revisione era di 39 mesi e le ricerche sono state condotte in cinque paesi: Stati Uniti, Sudafrica, Canada, Israele e Cina.

Gli esperti ora chiedono che le autoritĂ  sanitarie pubbliche promuovano la lettura dei libri da parte dei genitori.

Leggere con i bimbi piccoli? DĂ  loro un vantaggio linguistico di otto mesi. Che potrebbero forse sembrare pochi, ma non lo sono soprattutto se tarati su piccoli con meno di cinque anni. Lo rileva una ricerca della Newcastle University’s School of Education, guidata da James Law, professore di scienze del linguaggio.

Il team di esperti ha scoperto che le abilitĂ  linguistiche ricettive – le capacitĂ  cioè di comprendere le informazioni – sono influenzate positivamente quando i bambini in etĂ  prescolare leggono con qualcuno che si prende cura di loro. Per la ricerca è stata effettuata una revisione sistematica degli studi con interventi di lettura degli ultimi 40 anni, in cui si utilizzavano sia libri che e-readers e in cui la lettura è stata effettuata con un genitore o qualcuno che si occupava dei piccoli. La revisione ha mostrato che i bambini socialmente svantaggiati hanno avuto un beneficio leggermente maggiore rispetto ad altri.

“Sapevamo giĂ  che leggere con i bimbi offre dei vantaggi per il loro sviluppo e le prestazioni accademiche successive- evidenzia il professor Law – ma gli otto mesi di vantaggio di questa revisione sono risultati sorprendenti. Otto mesi sono una grande differenza nelle competenze linguistiche quando si guarda a bambini sotto i cinque anni di etĂ ”. L’etĂ  media dei bimbi coinvolti nei 16 studi inclusi nella revisione era di 39 mesi e le ricerche sono state condotte in cinque paesi: Stati Uniti, Sudafrica, Canada, Israele e Cina.

Gli esperti ora chiedono che le autoritĂ  sanitarie pubbliche promuovano la lettura dei libri da parte dei genitori].

Da mamma e da libraia non so esattamente quanto vantaggio ci sia. E sinceramente poco m’importa.

Ma una cosa so: che leggere con mio figlio e per mio figlio, e leggere con i bimbi nelle svariate occasioni mi fa star bene.
E spero faccia star bene anche loro 

 

articolo (http://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/salute_bambini/la_crescita/2019/01/10/leggere-con-i-bimbi-da-loro-un-vantaggio-linguistico-di-8-mesi_825c0503-a726-49b5-a1a4-fcc6e46ce941.html?fbclid=IwAR1QM18Vol3QGVAIjs0BHG1yX6Tlvd35ZzYjruKjNzRb76cBN28ao1uPZjY)

Orario invernale

By | News

Cari amici e care amiche,
a partire da domani e per i prossimi mesi invernali l’orario della libreria subirĂ  delle piccole modifiche dovute a esigenze personali.

Lunedì 9.30/13
Martedì 9.30/13 – 17/20
Mercoledì 9.30/13- 17/20
Giovedì 9.30/13 – 17.30/20
Venerdì 9.30/13 – 17/20
Sabato 9.30/13 – 17.30/20.30
Domenica: apertura una volta al mese a scelta della libraia con attivitĂ  varie.

Potranno anche capitare momenti di chiusura infrasettimanali che saranno tempestivamente annunciati su questa pagina.

Grazie e buon pomeriggio.

L’arcobaleno del tempo

By | News, Post it

Per lei il cinema è sempre stato casa, rifugio, risposte, sogni. ma anche speranza di ritrovare un giorno sua madre, che amava quel magico mondo di celluloide sopra ogni cosa e sparì quando lei era picccola. PerchĂ© – con le gioie e i dolori, gli incontri e gli addii – la vita è un film meraviglioso.

Un albo commovente e straordinario, firmato da un maestro dell’illustrazione moderna.

L’arcobaleno del tempo, di Jimmy Liao (Terre di Mezzo edizioni)

#ioleggoperché

By | News

#ioleggoperché quest’anno è alla quarta edizione.

Si tratta di una grande raccolta di libri a sostegno delle biblioteche scolastiche e può essere definita come la piĂą grande iniziativa nazionale di promozione della lettura organizzata dall’Associazione Italiana Editori (AIE).

A quest’iniziativa partecipano i lettori (studenti, insegnanti, genitori, nonni, appassionati tutti e promotori della lettura), le librerie deputate all’acquisto di libri da donare alle scuole per ampliare, arricchire e completare le biblioteche che molto spesso sono costrette a vivere momenti di incertezza e instabilitĂ .

La libreria #Skribi dal 20 al 28 ottobre è pronta ad accogliervi nei suoi 43 mq per consigliare, incuriosire e invogliare i lettori che intendono essere parte attiva di questa importante iniziativa.
Lo facciamo con una marcia in piĂą, ancora piĂą motivati e ancora piĂą carichi.

Per noi non esiste un periodo specifico di promozione alla lettura, l’avrete notato. Ma in questa settimana faremo i salti mortali per essere ancora piĂą a vostra totale disposizione per una causa comune.

Come dice sempre Elena, abbiamo la fortuna (o sfortuna) di non vendere mortadella. Vendiamo un prodotto particolare che veicola emozioni, che smuove l’animo, che arricchisce la mente, che crea sana dipendenza e che ha la capacitĂ  d farci sognare e riflettere (e ci fermiamo qui). Noi lo sappiamo molto bene. E certamente lo sapete anche voi.

Tutto il kit è pronto per essere distribuito.
Non lasciateci soli, vi aspettiamo numerosi. Perché solo insieme possiamo fare grandi cose 

#ioleggoperché

By | News

Cari tutti,
la libreria Skribi si è iscritta al progetto #ioleggoperché, una grande raccolta di libri a sostegno delle biblioteche scolastiche.

Si tratta della piĂą grande iniziativa nazionale di promozione della lettura ed è organizzata dall’Associazione Italiana Editori.

Da sabato 20 a domenica 28 ottobre 2018, nelle librerie aderenti e quindi anche da noi  sarà possibile acquistare libri da donare alle Scuole dei quattro ordinamenti: Scuole dell’infanzia, primarie, secondarie di primo e secondo grado.

Noi ci siamo e vi aspettiamo numerosi 

Skribi su Via Dei Serpenti

By | News

 

La nuova libreria SKRIBI a Conversano

INDILIBR(A)I – Rubrica dedicata ai librai e ai lettori indipendenti

di Emanuela D’Alessio

SKRIBI
Via Europa Unita 14/F
70014 Conversano (Bari)
3932518665
info@skribi.it
www.skribi.it

Da pochi giorni c’è una nuova libreria indipendente in Italia. Si chiama Skribi Parole Suoni Cose, si trova a Conversano, vicino Bari, ha aperto i battenti il 12 maggio.
Ne parliamo con la sua fondatrice Elena Manzari.

Elena Manzari ha una lunga esperienza di libraia, dalla Puglia a Roma e ritorno, cui si aggiunge quella di editrice. Partiamo da qui per capire come e perché sei tornata in libreria da protagonista con Skribi. Ci sono altri “compagni di viaggio” o sei partita “in solitaria”?
Skribi Parole Suoni Cose è nata dall’esigenza di avere nuovamente uno spazio di condivisione culturale, un posto dove raccogliere tutte le esperienze passate e creare un meraviglioso cerchio attorno al mondo del libro.
Il progetto di Skribi Parole Suoni Cose consta, infatti, di una piccola libreria indipendente con un catalogo essenzialmente composto da editori di qualità che stimo e sostengo nel loro progetto editoriale, di un laboratorio culturale dove si propongono attività tra le più disparate: laboratori per bambini e letture per adulti, workshop di ecologia del suono, presentazioni e tanto altro ancora. Infine, è la sede della piccola agenzia di servizi editoriali che gestisco da quasi due anni con collaborazioni varie (tra le tante ricordo la “carica” di ufficio stampa con TerraRossa edizioni).
In questo folle ma necessario (per me) progetto c’è lo zampino di mio marito, Francesco Giannico: lui è la parte creativa di Skribi ma anche quella musicale e gestisce molto bene anche quella burocratica. E poi c’è il nostro Leo.

Aprire una libreria in un piccolo centro presenta vantaggi e svantaggi, inevitabilmente. Quali sono i piĂą evidenti secondo te?
Ecco, mi aspettavo questa domanda. Cercherò di risponderti in tutta sincerità. Vivo con la mia famiglia in questo bellissimo paese da poco più di un anno. Un luogo dove esistono numerose associazioni culturali e rassegne davvero particolari (cito per tutte Imaginaria Film Festival, un festival internazionale di cinema di animazione); ho capito che qui potevo provare a investire con il mio progetto. Sarà difficile in questo posto come potrebbe esserlo stato in qualsiasi altra cittadina del sud, ma ho pazienza, tanta pazienza. E sono certa che lavorando bene, piano piano qualcosa potrebbe cambiare. Starà a me avere l’onere e l’onore di creare qualcosa di nuovo e di bello. E come sempre ce la metterò tutta.

Come è stato scelto il nome della libreria?
Skribi – Servizi Editoriali è il nome della piccola agenzia editoriale che seguo e al momento della scelta del nome per la libreria è stato automatico pensare di continuare il percorso intrapreso, far chiudere il cerchio, insomma. Skribi Parole Suoni Cose perché le parole – così come la musica – accompagnano da sempre la mia vita, sono elementi imprescindibili. Ho sposato anche un musicista, vedi un po’ tu. Aggiungiamo anche che all’interno della libreria faremo tante, ma proprio tante cose ed eccoti il nome. E poi, vorrei ricordare che ho dedicato un piccolo spazio ad artisti locali che creano oggetti davvero molto belli: segnalibri, poster, cartoline d’auguri, fotografie… più Cose di così! Infine, Skribi in esperanto significa “scrivere”.

Che cosa troviamo sugli scaffali di Skribi e quali sono i criteri di selezione?
Per un buon novanta per cento il catalogo è composto da editori indipendenti che leggo, stimo e sostengo da tempo; case editrici gestite da vecchi e nuovi amici che come me non riescono a tenere a freno la passione per i libri a tal punto da tramutarla in lavoro. Che molto spesso, ahimé, non paga quanto dovrebbe. Ma le passioni vanno sostenute e io nel mio piccolo cercherò di farlo.

Chi sono i clienti che entrano nella tua libreria?
Avendo aperto da pochissimo ci sono molti curiosi che vengono anche da paesi limitrofi. Li accolgo con un sorriso e li invito a fermarsi cinque minuti per curiosare tra gli scaffali. All’inizio sono un po’ timidi, il locale è piccino e si sentono quasi in dovere di dover acquistare. Li rassicuro, dico: «Facciamo due chiacchiere, parliamo dell’ultimo libro che hai letto» e si fermano rasserenati. I ragazzini vanno via sempre con qualcosa tra le mani, alcuni adulti sembrano soddisfatti dalla chiacchierata e sono certa che ritorneranno; altri escono senza aver comprato nulla, ma poco importa, per ora. Ho stabilito un contatto, ho incuriosito qualcuno che forse era da tempo che non varcava la soglia di una libreria. Ho gettato il semino e sono certa che prima o poi qualcosa sboccerà.

Il rapporto fra libraio e lettore non passa solo attraverso il libro ma anche una serie di attività correlate e indotte. Una libreria non è quasi più un luogo dove si trovano solo libri sugli scaffali, essendosi trasformata nella gran parte dei casi in uno spazio aperto e integrato, luogo di incontro e di scambio. Qual è il ruolo di Skribi sul territorio?
Come ti dicevo prima Skribi si propone come un’officina della cultura: un luogo di scambio reciproco dove alle classiche presentazioni affiancheremo laboratori che i nostri lettori avranno cura di presentare. Abbiamo lanciato una call online qualche tempo fa e sono state numerose le risposte, anche le più disparate. Questo ti fa capire che c’è voglia di fare qualcosa, c’è voglia di incontrarsi, c’è voglia di stare insieme.

 

Tra le nostre domande ricorrenti c’è sempre questa: di che cosa hanno bisogno i librai indipendenti in Italia? A parte i lettori, ovviamente, che cosa sarebbe più necessario, un sindacato unitario di categoria, un associazionismo più operativo, una nuova legge Levi?
Domandone, questo. Al quale non so davvero come risponderti se non facendo appello alla mia esperienza personale e professionale. Sono convinta che “fare rete”, associarsi, possa essere una tra le tante soluzioni, così come creare una sorta di sindacato di categoria. Occorre collaborare, fare cose insieme, scendere in piazza e organizzare fiere e festival nei centri abitati e mostrare il lato divertente della cultura. Non è più questo il tempo del libraio seduto dietro il bancone che aspetta il cliente, siamo oltre. Bisogna essere mobili, andare a scuola dai professori e farsi conoscere dagli studenti. Fare banchetti in giro (cosa che adoro fare) e organizzare anche incontri al bar all’occorrenza (ne ho già fissati un paio in estate visto che Skribi è piccina). Parlare di libri ovunque, io lo faccio sempre. Poi, ovvio: se ci fossero più sostegni “importanti” sarebbe decisamente tutto più semplice e immediato.

Concludo con un’altra domanda ricorrente di Via dei Serpenti: che cosa c’è da leggere in questo momento sul tuo comodino?
Su consiglio di un amico/scrittore/cliente al momento sul mio comodino (ma anche sul divano o ovunque per casa, visto che mio marito dice che perdo libri in ogni angolo) c’è Niente di J. Teller, un romanzo pubblicato qualche anno fa da Feltrinelli, davvero interessante che mi era sfuggito (sì, capita anche a me). E poi c’è un romanzo molto bello di una cara amica che vedrà la luce il prossimo anno. Ma di questo non posso dire nulla, ne parlerò tanto al momento opportuno.

http://www.viadeiserpenti.it/tag/skribi/

 

NubeOcho

By | News

NubeOcho Edizioni è una casa editrice spagnola approdata in Italia meno di un anno fa.

Nasce come una casa editrice impegnata, specializzata in album illustrati e letteratura per l’infanzia. Oltre a promuovere il rispetto per la diversitĂ , i libri di questa casa editrice spagnola sono un mezzo divertente e didattico per avvicinarsi alle emozioni e alle prime esperienze.

Benvenuta NubeOcho                                  

 

 

 

CasaSirio

By | News

CasaSirio nasce a fine 2014 con una vocazione: raccontare storie.

Storie semplici e veloci, storie vere e storie da bar, storie che non vorresti finissero mai. Secondo noi ogni libro ha la sua storia: dentro, dietro, intorno. Storie che quando finisci di leggere rinascono come racconto agli amici davanti a una birra, una fetta di pizza o alla fine del primo tempo di una partita allo stadio.

Perché è proprio questo l’immenso potere delle storie, quando ti entrano dentro non puoi più smettere di raccontarle.

Benvenuta CasaSirio editore 

 

 

SKRIBI è un progetto di Elena Manzari - p.Iva. 07990430725